18 Novembre 2015

Ritardo pagamenti: come evitarlo conoscendo i propri clienti

Il ritardo nei pagamenti, non solo dalla PA ma anche tra aziende private, rappresenta un grosso problema per il nostro Paese.

Negli ultimi anni la crisi economica ha intensificato questo fenomeno causando seri problemi di liquidità alle imprese.

Secondo le rilevazioni di Cribis D&B (società del gruppo Crif specializzata nelle business information) si avverte un leggero miglioramento negli ultimi mesi del 2015, incrementa infatti il numero delle aziende che paga puntualmente i fornitori alla scadenza (36,8%, sei decimi in più rispetto a quanto registrato tra aprile e giugno). Una tendenza positiva ma ben lontana dai livelli pre crisi.

Secondo lo studio, le aziende che hanno raggiunto i migliori risultati sono quelle del Nord Est (45,9 di pagamenti regolari), che hanno affrontato il problema dei ritardi e degli insoluti con un approccio diverso, adottando un attento monitoraggio della clientela e differenziando le strategie in funzione del tipo di cliente.

Le Piccole Medie Imprese, per ovviare a questo fenomeno, hanno infatti dovuto intensificare le politiche di gestione del credito cercando di identificare e riconoscere l’affidabilità dei propri clienti e di quelli potenziali.

Vediamo alcune azioni concrete da intraprendere per prevenire queste problematiche.

  • Conoscere a fondo il cliente con il quale avvengono gli scambi commerciali;
  • Cercare informazioni sulla solvibilità;
  • Fare attenzione ad alcuni segnali da parte dei clienti: aumento di dispute e controversie, elevato turnover del personale, pagamenti lenti o fermi, assegni ritirati e impossibilità di contattare il cliente; riduzioni o incrementi improvvisi di ordini;
  • Scambiare esperienze e informazioni in ambito di pagamento;
  • Puntare su decisioni di credito strutturate;
  • Avere una rigorosa gestione dei debitori.

Tra gli strumenti finanziari segnaliamo il Factoringsempre più utilizzato dalle aziende proprio perché consente di sopperire alle difficoltà derivate dai ritardi dei crediti commerciali.

Si tratta in sostanza di un finanziamento alle imprese mediante cessione del credito ad un operatore specializzato, che garantisce il finanziamento immediato del capitale circolante ed una maggior gestione del credito da parte dell’impresa.

Cerchi maggiori informazioni sul Factoring?

 

News in evidenza

19 Febbraio 2018

Agevolazioni per le imprese: a Venezia tutte le novità a supporto degli investimenti

Quali sono le agevolazioni per le imprese che intendono investire nel 2018?

È questo il...

15 Febbraio 2018

Assilea e Banca Ifis Impresa presentano i benefici delle agevolazioni 2018 per le PMI

Le agevolazioni fiscali, come strumento utile alle PMI che vogliono investire nella crescita, al...

14 Febbraio 2018

Come depositare la firma digitale: gli step da seguire

Una firma digitale è uno strumento utilizzato per certificare la validità e l’autenticità di...

8 Febbraio 2018

GRUPPO BANCA IFIS: UTILE A 180,8 MILIONI DI EURO, COEFFICIENTI PATRIMONIALI MOLTO SOLIDI (CET1 AL 15,64%1). PREVISIONE DI DIVIDENDO ANCORA IN CRESCITA, 1 EURO/AZIONE.

Si è riunito oggi, 8 febbraio 2018, il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS,...

6 Febbraio 2018

Trend imprenditori 2018: 5 sfide per le PMI

La vita dell’imprenditore è costellata di sfide continue e quotidiane da affrontare per far...

25 Gennaio 2018

Credito Agricolo, il nuovo punto di riferimento per le Filiere Agricole

Per sostenere le imprese che lavorano nel settore agricolo, Banca IFIS Impresa, sempre a...

23 Gennaio 2018

Banca IFIS Impresa a Fieragricola 2018

Da mercoledì 31 gennaio a sabato 3 febbraio, Banca IFIS Impresa sarà presente a...

23 Gennaio 2018

Legge di Bilancio 2018: confermate misure finanziarie a sostegno delle PMI

Il 2018 è iniziato sottolineando le forti attese legate agli strumenti finanziari a sostegno...