19 Dicembre 2018

Fatturazione elettronica: guida passo passo

La fatturazione elettronica è ormai alle porte. Dal 1° gennaio 2019, infatti, scatterà l’obbligo della sua emissione per tutti i titolari di partita Iva residenti in Italia e questo cambiamento coinvolgerà tutto il mondo del business, tranne rare eccezioni.

Come trasmettere una fattura elettronica?

Si procede innanzitutto alla produzione di un file in formato XML, che deve essere inviato tramite il Sistema di Interscambio (SdI) che si occupa di:

  • Controllare che la fattura elettronica sia stata correttamente compilata e non sia duplicata.
  • Calcolare un codice che identifichi univocamente il documento.
  • Trasmettere la fattura al destinatario e rilasciare al mittente una ricevuta di avvenuta consegna.

È inoltre possibile registrarsi nel SdI, in tal modo nel momento dell’emissione della fattura non sarà necessario compilare il campo relativo al codice del destinatario o al suo indirizzo PEC, il Sistema di Interscambio, infatti, recapiterà il documento all’indirizzo collegato alla partita Iva in fase di registrazione.

Quali sono i vantaggi?

L’ingresso della fatturazione elettronica in Italia, introdotto inizialmente per i pagamenti nei confronti della Pubblica Amministrazione e che a breve diverrà d’obbligo anche per i soggetti privati è uno dei punti chiave dell’Agenda Digitale Italiana il cui scopo è spingere l’innovazione delle imprese, anche attraverso il controllo della spesa. Questa soluzione presenta, infatti, diversi vantaggi:

  • La dematerializzazione della gestione delle fatture elimina lo speco di carta, abbattendo i costi di stampa, spedizione e conservazione.
  • Migliora l’efficienza dei cicli di pagamento. La fattura, infatti, è strettamente legata ad altri documenti come quelli di trasporto o di consegna e la sua digitalizzazione rende più efficaci tali interconnessioni.
  • Semplifica e riduce gli errori nel processo di contabilizzazione.
  • Rende più trasparenti i rapporti tra le imprese e l’amministrazione finanziaria, contrastando l’evasione.

Chi è esonerato?

Sono esonerati dall’obbligo di fatturazione elettronica coloro che rientrano nel regime di vantaggio e nel regime forfettario e i piccoli produttori agricoli già esonerati dall’emissione di fatture.

News in evidenza

9 Ottobre 2019

Banca IFIS è eco-friendly con il Leasing Green

L’istituto di credito al fianco di Enel X, E-GAP ed E-Station per...

25 Settembre 2019

Sabatini, super e iperammortamento: accesso e disponibilità dei fondi

Ci sono ancora fondi Sabatini? In che modo è possibile avere accesso a super...

17 Luglio 2019

Noleggio e tecnologia: quali opportunità per una PMI?

Perché acquistare un bene quando puoi utilizzarlo per un periodo funzionale alle esigenze della...

27 Giugno 2019

La valutazione del credito come partner delle PMI

Un’impresa che si rivolge ad un istituto per un finanziamento teme sempre il giudizio...

12 Giugno 2019

L’ecosostenibilità e il vantaggio del first mover

Alcune settimane fa un imprenditore italiano dell’Agroalimentare mi ha detto che “nel momento stesso...

12 Giugno 2019

Credito alle Imprese: accordo tra Banca IFIS e BEI, 100 milioni di euro a sostegno della crescita delle PMI

L’intesa prevede contratti di finanziamento a tassi vantaggiosi per tutte le aziende fino a...

7 Giugno 2019

9 Incentivi per la tua PMI: l’ebook di Banca IFIS Impresa

La Legge di Bilancio 2019 aveva già introdotto diverse agevolazioni dedicate alle imprese, successivamente...

14 Maggio 2019

Banca IFIS Impresa: eco friendly grazie al leasing green

Se il futuro chiama Banca IFIS Impresa risponde, ma il domani si costruisce solo...