29 Novembre 2017

Le tre cose da fare per prepararsi alla chiusura del bilancio

La chiusura del bilancio per le imprese rappresenta uno dei momenti fondamentali dell’annuale ciclo economico-produttivo. Come noto si tratta della sintesi finanziaria economica dell’anno, una fotografia dell’impresa dove si possono e devono evidenziano le principali caratteristiche che la contraddistinguono sia in termine di capacità gestionali che di generazione valore.

Ma come prepararsi al meglio per questo momento di sintesi e presentazione “verso l’esterno” delle performance aziendali?
In effetti esistono dei comportamenti virtuosi che le aziende possono perseguire al fine di prepararsi al meglio in vista della redazione del bilancio e migliorare il presidio gestionale sulle attività aziendali:

  • Dotarsi di metodologie e strumenti efficaci per la gestione della pipeline commerciale allo scopo di prevedere i flussi, le vendite e i costi futuri oltre che a poter prevedere con debito anticipo eventuali situazioni di squilibrio tra obbiettivi di budget e risultati;
  • Mantenere costantemente monitorati i costi sia a livello consuntivo che in termini di forecast, questo per poter gestire con debito anticipo eventuali scostamenti imprevisti utilizzando con attenzione tutte le possibili leve a disposizione e ri-pianificando, ove possibile, eventuali prossime spese a finestre temporali successive;
  • Presidiare con estrema attenzione il “Cash flow aziendale” in modo da, nel caso di necessità, ricorre selettivamente e opportunisticamente a leve finanziarie come ad esempio il factoring per ridurre il debito commerciale e gestire proattivamente i ratio di bilancio relativi.

È importante sottolineare che migliorare i diversi ratio di bilancio non è solo un esercizio di bravura e capacità manageriale, ma è determinante per permettere una più corretta e reale valutazione esterna della propria impresa. Infatti gli effetti dell’adozione di questo “atteggiamento virtuoso e proattivo nella gestione del ciclo di vita aziendale” permette non solo di farsi valutare in modo migliore da eventuali partner commerciali e finanziari ma abilita anche una migliore cultura di management più attenta alla parte previsionale e contemporaneamente può gettare le basi per un miglioramento delle performance aziendali sia nel breve che nel medio termine.

Per maggiori informazioni sul servizio di factoring per migliorare la tua liquidità aziendale, contatta i nostri esperti.

News in evidenza

19 Febbraio 2018

Agevolazioni per le imprese: a Venezia tutte le novità a supporto degli investimenti

Quali sono le agevolazioni per le imprese che intendono investire nel 2018?

È questo il...

15 Febbraio 2018

Assilea e Banca Ifis Impresa presentano i benefici delle agevolazioni 2018 per le PMI

Le agevolazioni fiscali, come strumento utile alle PMI che vogliono investire nella crescita, al...

14 Febbraio 2018

Come depositare la firma digitale: gli step da seguire

Una firma digitale è uno strumento utilizzato per certificare la validità e l’autenticità di...

8 Febbraio 2018

GRUPPO BANCA IFIS: UTILE A 180,8 MILIONI DI EURO, COEFFICIENTI PATRIMONIALI MOLTO SOLIDI (CET1 AL 15,64%1). PREVISIONE DI DIVIDENDO ANCORA IN CRESCITA, 1 EURO/AZIONE.

Si è riunito oggi, 8 febbraio 2018, il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS,...

6 Febbraio 2018

Trend imprenditori 2018: 5 sfide per le PMI

La vita dell’imprenditore è costellata di sfide continue e quotidiane da affrontare per far...

25 Gennaio 2018

Credito Agricolo, il nuovo punto di riferimento per le Filiere Agricole

Per sostenere le imprese che lavorano nel settore agricolo, Banca IFIS Impresa, sempre a...

23 Gennaio 2018

Banca IFIS Impresa a Fieragricola 2018

Da mercoledì 31 gennaio a sabato 3 febbraio, Banca IFIS Impresa sarà presente a...

23 Gennaio 2018

Legge di Bilancio 2018: confermate misure finanziarie a sostegno delle PMI

Il 2018 è iniziato sottolineando le forti attese legate agli strumenti finanziari a sostegno...