24 Ottobre 2019

Perché la Banca si interessa alla tua piccola e media impresa?

Spesso la maggior parte delle banche si rivolgono indistintamente a tutte le imprese, un’attenzione particolare va rivolta però alla piccola e media impresa, cuore pulsante del mercato e del territorio italiano. Lo sviluppo del mercato può avvenire attraverso diversi canali: fisici, contact center e digitali.

In che modo la Banca studia le PMI?

Molte piccole e medie imprese manifestano alle banche le loro esigenze attraverso i canali web, social e digitali. Parallelamente le strutture interne dedicate allo sviluppo commerciale sono attive nella ricerca di aziende meritevoli e potenzialmente interessate all’offerta di credito della Banca.

Le attività di studio del mercato e individuazione delle piccole e medie imprese sono svolte da un ufficio dedicato che si occupa di identificare le aziende in linea con il perimetro d’interesse della Banca. I dati pubblici delle PMI, sia economico/finanziari sia qualitativi, sono elaborati sulla base di regole di rischio e commerciali utili a individuare aziende che rispettano i criteri minimi di affidabilità stabiliti dalla Banca, ma che presentano anche potenziali esigenze di credito sia per la gestione del ciclo commerciale, sia per gli investimenti a medio termine.

L’identikit di una piccola e media impresa attraente

Quali sono gli aspetti che la Banca approfondisce per ricercare le piccole e medie imprese potenzialmente interessate alla propria offerta di credito? Proviamo a sintetizzarle di seguito, per fornire una traccia utile alla tua impresa per essere visibile:

  • Si tratta di una PMI strutturata e attenta a rappresentare le dinamiche del proprio business attraverso un bilancio chiaro e utile a comprendere il valore generato dalla propria attività;
  • L’attività caratteristica della piccola e media impresa target genera margini economici positivi, sufficienti a remunerare tutti gli investitori che credono nell’azienda, compresi gli Istituti finanziatori;
  • La solidità patrimoniale della PMI che la Banca ricerca è sufficiente a sostenere il debito bancario in essere e le ulteriori risorse finanziarie di cui necessita per crescere;

Questi tre aspetti tracciano il profilo minimo di rischio considerato dalla Banca per proporsi come partner della piccola e media impresa target. Priorità di incontro sarà data a quelle aziende che presentano potenziali margini di miglioramento del ciclo finanziario, oltre che una propensione al continuo investimento per la crescita del business.

 

di

Luca Bigatti

Responsabile CRM & Analytics

News in evidenza

24 Ottobre 2019

Perché la Banca si interessa alla tua piccola e media impresa?

Spesso la maggior parte delle banche si rivolgono indistintamente a tutte le imprese, un’attenzione...

9 Ottobre 2019

Banca IFIS è eco-friendly con il Leasing Green

L’istituto di credito al fianco di Enel X, E-GAP ed E-Station per...

25 Settembre 2019

Sabatini, super e iperammortamento: accesso e disponibilità dei fondi

Ci sono ancora fondi Sabatini? In che modo è possibile avere accesso a super...

17 Luglio 2019

Noleggio e tecnologia: quali opportunità per una PMI?

Perché acquistare un bene quando puoi utilizzarlo per un periodo funzionale alle esigenze della...

27 Giugno 2019

La valutazione del credito come partner delle PMI

Un’impresa che si rivolge ad un istituto per un finanziamento teme sempre il giudizio...

12 Giugno 2019

L’ecosostenibilità e il vantaggio del first mover

Alcune settimane fa un imprenditore italiano dell’Agroalimentare mi ha detto che “nel momento stesso...

12 Giugno 2019

Credito alle Imprese: accordo tra Banca IFIS e BEI, 100 milioni di euro a sostegno della crescita delle PMI

L’intesa prevede contratti di finanziamento a tassi vantaggiosi per tutte le aziende fino a...

7 Giugno 2019

9 Incentivi per la tua PMI: l’ebook di Banca IFIS Impresa

La Legge di Bilancio 2019 aveva già introdotto diverse agevolazioni dedicate alle imprese, successivamente...