9 Novembre 2017

Quali sono le nuove sfide per gli agricoltori italiani?

Una delle figure professionali che suscita maggiore fiducia in Italia è quella degli agricoltori (analisi Censis), particolarmente apprezzati dalla popolazione, grazie alla loro vicinanza ai bisogni ed alle aspettative dei consumatori.

Il settore agro-alimentare italiano, infatti, ha registrato negli ultimi mesi una forte crescita, segno del continuo apprezzamento dei prodotti alimentari Made in Italy, sempre più esportati sia all’interno che oltre i confini dell’Unione Europea, ma oggi si trova in un’era di evoluzione e ad affrontare nuove sfide.

L’importanza dei prodotti agricoli italiani è sottolineata, inoltre, dal numero di imprese agricole presenti sul territorio, e soprattutto al sud Italia, specializzate nella produzione di prodotti come ortaggi, frutta, vino e olio d’oliva. (AgroNotizie – Puglia, vola l’export agricolo nel primo semestre 2017)

Un tema caldo degli ultimi mesi per questo settore sono gli obblighi dettati dal decreto europeo che prevedono l’indicazione della provenienza del grano utilizzato per la produzione di pasta. Purtroppo tale imposizione ha evidenziato la carenza di alcuni prodotti italiani, come il grano, insufficiente a colmare la domanda del Paese.

La quantità di terreni coltivabili, infatti, non è illimitata e la nuova sfida che il settore dovrà affrontare, sarà legata all’innovazione tecnologica e all’agricoltura di precisione, una realtà sempre più performante, che grazie all’utilizzo di macchinari dotati di GPS e dei Big Data, permetterà di ottenere numerosi vantaggi, ad esempio:

  • Esaminare le colture
  • Individuare particolari patologie dei terreni
  • Registrare la fertilità dei suoli
  • Osservare i tassi di crescita (Agenda Digitale – Il futuro del cibo è nell’agricoltura 4.0: ecco gli scenari)

Dal momento che l’aumento delle superfici coltivabili non è plausibile, l’introduzione di questo tipo di agricoltura innovativa sembrerebbe essere la soluzione più adatta, assicurando profitti più elevati ai produttori, favorendo l’aumento dei prodotti e il miglioramento della loro qualità, riducendo notevolmente i costi e limitando i danni ambientali.

Gli investimenti nel settore agricolo, assumono quindi fondamentale importanza per il comparto agricolo italiano e di conseguenza per la crescita del Made in Italy alimentare.

Un futuro di crescita per il settore agricolo, sembrerebbe essere preventivato anche da una serie di agevolazioni del Governo. La Legge di Bilancio 2018, infatti, ha previsto importanti forme di sostegno per le imprese agricole, con una serie di incentivi riservati agli agricoltori che effettueranno investimenti finalizzati allo sviluppo aziendale (Guida Fisco – Bonus Agricoltori 2018: cos’è, come funzione, requisiti e durata).

News in evidenza

24 Maggio 2018

Fatturazione elettronica: cos’è?

La fatturazione elettronica è un processo completamente digitale dall’emissione, alla trasmissione fino alla conservazione...

8 Maggio 2018

GDPR: le novità del Regolamento Europeo

Mancano ormai un paio di settimane al 25 maggio 2018, data in cui entrerà...

2 Maggio 2018

MACFRUT: vieni a trovarci allo stand 13, Padiglione B3

Macfrut è la vetrina internazionale del settore ortofrutticolo italiano. Dal 9 all’11 maggio, alla...

6 Aprile 2018

Rubrica: Il punto di vista della Banca

Banca IFIS Impresa ha pensato di dedicare una piccola raccolta di consigli a tutti...

3 Aprile 2018

BANCA IFIS IMPRESA AL VINITALY 2018 CON CREDITO AGRICOLO

Banca IFIS Impresa sarà presente quest’anno al Vinitaly 2018 (Verona, 15-18 aprile), la manifestazione dedicata...

23 Marzo 2018

Ricavi in crescita per le PMI: +5,65% all’anno

Le PMI italiane sono soprattutto ‘micro’ ma flessibili, solide e produttive e costituiscono il...

21 Marzo 2018

Banca IFIS Impresa racconta la firma digitale a Lease 2018

Anche Banca IFIS Impresa era presente a Lease 2018, il primo Salone del Leasing...

20 Marzo 2018

Leasing beni strumentali: come funziona

Il leasing finanziario è una tipologia di finanziamento molto utilizzata dalle imprese che vogliono...