1 Agosto 2017

RALLENTA LA CRESCITA DELLE IMPRESE

Il 2017 è stato caratterizzato da una sostenuta ripresa economica, anche se il numero delle imprese italiane sembra aver subito un forte rallentamento.

Tra aprile e giugno, infatti, i numeri delle imprese si sono assestati come segue:

  • 92.500 nuove imprese, contro le 98.500 del 2016
  • 56.700 cessazioni, rispetto alle 60.400 del 2016
  • 35.800 imprese in più rispetto a marzo, contro le 38.100 del 2016 (Comunicato Stampa Infocamere – Natalità e mortalità delle Imprese italiane registrate alle camere di Commercio – Il Trimestre 2017)

Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, nessuna regione in particolare ha fatto registrare miglioramenti significativi rispetto all’anno precedente, ad eccezione di Lombardia (+5.334), Lazio (+5.474) e Campania (+5.807) che conservano il primato dei bilanci maggiormente positivi. (Comunicato Stampa Infocamere – Natalità e mortalità delle Imprese italiane registrate alle camere di Commercio – Il Trimestre 2017)

In netto miglioramento la situazione relativa ai fallimenti. Nel periodo preso in esame, infatti, in numero di imprese italiane fallite è diminuito, riducendosi del 15% e passando da 3.537 a 3.008 aziende chiuse per fallimento, nell’arco di un anno.

Un altro segnale positivo arriva dal settore delle StartUp, aumentate del +7,5% dalla fine di marzo e concentrate soprattutto in Lombardia, regione che detiene 1.964 StartUp innovative, vale a dire il 22,9% del totale nazionale.
I settori principali in cui operano le StartUp sono risultati essere:

  • 70,6% fornitura di servizi alle imprese
  • 19,6% industria in senso stretto
  • 4% commercio (Comunicato Stampa Infocamere – Natalità e mortalità delle Imprese italiane registrate alle camere di Commercio – Il Trimestre 2017)

I tre mesi appena trascorsi, hanno inoltre messo in luce come i settori che maggiormente contribuiscono alla crescita del sistema imprenditoriale del nostro Paese siano quello legato ai servizi alle imprese (+8.153), quello relativo al commercio (+6.872) e il settore agricolo (+4.394), con accenni di crescita riscontrati anche nel settore delle costruzioni, in leggera ripresa rispetto allo stesso periodo dei tre anni precedenti. (Comunicato Stampa Infocamere – Natalità e mortalità delle Imprese italiane registrate alle camere di Commercio – Il Trimestre 2017)

La ripresa del comparto dell’imprenditoria è dunque un segnale positivo per l’intera ripresa economica italiana, anche se con l’utilizzo di nuove tecnologie e con l’ausilio di politiche legate all’Industria 4.0 un’ulteriore accelerazione è ancora auspicabile.

News in evidenza

24 Ottobre 2019

Perché la Banca si interessa alla tua piccola e media impresa?

Spesso la maggior parte delle banche si rivolgono indistintamente a tutte le imprese, un’attenzione...

9 Ottobre 2019

Banca IFIS è eco-friendly con il Leasing Green

L’istituto di credito al fianco di Enel X, E-GAP ed E-Station per...

25 Settembre 2019

Sabatini, super e iperammortamento: accesso e disponibilità dei fondi

Ci sono ancora fondi Sabatini? In che modo è possibile avere accesso a super...

17 Luglio 2019

Noleggio e tecnologia: quali opportunità per una PMI?

Perché acquistare un bene quando puoi utilizzarlo per un periodo funzionale alle esigenze della...

27 Giugno 2019

La valutazione del credito come partner delle PMI

Un’impresa che si rivolge ad un istituto per un finanziamento teme sempre il giudizio...

12 Giugno 2019

L’ecosostenibilità e il vantaggio del first mover

Alcune settimane fa un imprenditore italiano dell’Agroalimentare mi ha detto che “nel momento stesso...

12 Giugno 2019

Credito alle Imprese: accordo tra Banca IFIS e BEI, 100 milioni di euro a sostegno della crescita delle PMI

L’intesa prevede contratti di finanziamento a tassi vantaggiosi per tutte le aziende fino a...

7 Giugno 2019

9 Incentivi per la tua PMI: l’ebook di Banca IFIS Impresa

La Legge di Bilancio 2019 aveva già introdotto diverse agevolazioni dedicate alle imprese, successivamente...