14 Giugno 2017

IL SETTORE MEDICALE IN ITALIA: DINAMISMO E INNOVAZIONE

Il settore dei dispositivi medici italiano è caratterizzato da un forte dinamismo. Il livello di innovazione è infatti molto elevato e fa sì che, rispetto ad altri ambiti economici, questo sia fra quelli più attivi.

Tra i beni acquistati nel 2015 dal Servizio Sanitario Nazionale, figurano infatti soprattutto dispositivi medici, con un aumento degli investimenti del 4% rispetto all’anno precedente. (Rapporto sulla spesa rilevata dalle strutture sanitarie pubbliche del SSN per l’acquisto di dispositivi medici)

Il tessuto industriale del settore si compone principalmente di imprese di micro e piccole dimensioni e di start-up maggiormente specializzate in campo tecnologico. (Assobiomedica)

Nel 2014, in Italia, sono state censite 4480 imprese che operano nel settore medicale, e che sono suddivise come segue:

  • Il 43% si occupa di distribuzione
  • Il 53% si occupa di produzione
  • Il 4% si occupa di servizi (Assobiomedica)

Il 40% delle multinazionali presenti sul territorio nazionale sono italiane, mentre ben il 60% provengono dall’estero. Oltre la metà del totale (69%), inoltre, si distribuisce principalmente in cinque regioni d’Italia, vale a dire:

  • 29,1% in Lombardia
  • 11,7% in Emilia Romagna
  • 11,3% in Veneto
  • 10,5% in Lazio
  • 6% in Toscana (Assobiomedica)

Il mercato principale a cui è destinata la vendita di dispositivi medicali è rappresentato dalla sanità pubblica, anche se a partire dal 2015 le esportazioni sono cresciute dell’8,1% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 7 miliardi di euro, e riguardando in modo particolare il mercato statunitense e quello britannico.

Nello stesso anno anche le importazioni hanno fatto registrare un aumento pari a 7,3 miliardi di euro, crescendo del 6% rispetto all’anno precedente, interessando in maniera particolare il settore del biomedicale. (Assobiomedica)

Per favorire la ripresa economica del Paese, anche il Governo è intervenuto con una serie di provvedimenti che riguardano il settore sanitario.

In particolare, la Legge di Stabilità 2016 contiene quattro differenti linee di intervento, e cioè:

  • Piani di rientro per strutture di ricovero e cura
  • Nuove regole per l’acquisto di beni e servizi
  • Aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e implementazione del sistema di monitoraggio
  • Promozione del Programma nazionale per l’Health Technology Assessment (Analisi dello scenario 2016-2019)

Tali interventi mirano ad esercitare una forte e crescente pressione sulla spesa pubblica, allo scopo di ridurne il livello, soprattutto con riferimento alla sanità e ai dispositivi medici.

News in evidenza

9 Ottobre 2019

Banca IFIS è eco-friendly con il Leasing Green

L’istituto di credito al fianco di Enel X, E-GAP ed E-Station per...

25 Settembre 2019

Sabatini, super e iperammortamento: accesso e disponibilità dei fondi

Ci sono ancora fondi Sabatini? In che modo è possibile avere accesso a super...

17 Luglio 2019

Noleggio e tecnologia: quali opportunità per una PMI?

Perché acquistare un bene quando puoi utilizzarlo per un periodo funzionale alle esigenze della...

27 Giugno 2019

La valutazione del credito come partner delle PMI

Un’impresa che si rivolge ad un istituto per un finanziamento teme sempre il giudizio...

12 Giugno 2019

L’ecosostenibilità e il vantaggio del first mover

Alcune settimane fa un imprenditore italiano dell’Agroalimentare mi ha detto che “nel momento stesso...

12 Giugno 2019

Credito alle Imprese: accordo tra Banca IFIS e BEI, 100 milioni di euro a sostegno della crescita delle PMI

L’intesa prevede contratti di finanziamento a tassi vantaggiosi per tutte le aziende fino a...

7 Giugno 2019

9 Incentivi per la tua PMI: l’ebook di Banca IFIS Impresa

La Legge di Bilancio 2019 aveva già introdotto diverse agevolazioni dedicate alle imprese, successivamente...

14 Maggio 2019

Banca IFIS Impresa: eco friendly grazie al leasing green

Se il futuro chiama Banca IFIS Impresa risponde, ma il domani si costruisce solo...