30 Agosto 2016

Turismo: dal Veneto 1,6 milioni per la nascita di nuove imprese

Scadono il 20 settembre 2016 i termini per la presentazione delle domande di erogazione dei contributi relativi al POR FESR 2014-2020 “Attivazione di nuove imprese anche complementari al settore turistico tradizionale”. A disposizione ci sono risorse per 1,6 milioni di euro finalizzati a promuovere e finanziare la nascita di nuove imprese interessate a dare vita a prodotti innovativi riguardanti in particolare il cicloturismo e il turismo enogastronomico.

I fondi sono destinati a sostenere la ricerca, lo sviluppo tecnologico, l’innovazione e la competitività dei sistemi turistici veneti con l’obiettivo di valorizzare itinerari escursionistici concentrati verso il rilancio di destinazioni a rischio di stagnazione, integrando il settore del turismo con altre filiere produttive, come quella agroalimentare, l’artigianato o i trasporti. In poche parole, il bando punta a innovare l’offerta turistica rivolta agli amanti delle due ruote o della buona tavola, rilanciando le località che, negli ultimi anni, hanno subito un calo nelle presenze turistiche.

Il bando prevede che i contributi vengano erogati alle nuove micro, piccole e medie imprese (PMI), iscritte al Registro delle Imprese da non più di 12 mesi, con sede in uno dei Comuni aderenti all’Organizzazione di Gestione della Destinazione (OGD) “Dolomiti” e quelle nei Comuni attraversati (o con essi confinanti) dai principali itinerari cicloturistici e dai percorsi riconosciuti nell’ambito della Rete Escursionistica Veneta.

Risultano ammissibili a contributo le spese sostenute dalle imprese per

  • acquisto di beni e servizi funzionali alla creazione e sviluppo del prodotto turistico
  • interventi edilizi
  • consulenza e assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni all’impresa nella misura massima del 5% della spesa ammissibile
  • promozione e commercializzazione del prodotto turistico nella misura massima del 20% della spesa ammissibile
  • costituzione della società, entro il limite massimo di euro 3.000 euro.

I contributi a fondo perduto saranno concessi in misura pari al 50% della spesa effettivamente sostenuta per la realizzazione del progetto, da un minimo di 35 mila euro ad un massimo di 100 mila euro, corrispondenti a spese effettivamente rendicontate di 70 mila e 200 mila euro.

La domanda di partecipazione deve essere presentata per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione Veneto.

CERCHI FINANZIAMENTI PER LA TUA PMI?

 

News in evidenza

3 Agosto 2018

Banca IFIS, utile a 66,2 milioni di euro nel primo semestre

“Nei primi mesi dell’anno abbiamo lavorato con grande dinamismo in ogni segmento, facendo crescere...

2 Agosto 2018

Banca IFIS Impresa sigla un accordo di collaborazione con Gambini S.p.A. per favorire l’accesso al credito grazie al factoring

Banca IFIS Impresa e Gambini S.p.A., impresa leader nel settore dei macchinari per la...

1 Agosto 2018

#WhatLeasingIS: Banca IFIS sigla importanti partnership con Tesla, Unipol Banca e Attiva

La business unit Leasing di Banca IFIS Impresa – la Banca specializzata nel finanziare...

11 Luglio 2018

Quotazione in borsa delle PMI: il credito d’imposta dimezza i costi

C’è un momento, nella vita delle PMI, in cui si valuta la possibilità...

27 Giugno 2018

Factoring pro solvendo e pro soluto: caratteristiche e vantaggi

Chi fa impresa lo sa bene: ottenere il pagamento delle fatture emesse è un...

24 Maggio 2018

Fatturazione elettronica: cos’è?

La fatturazione elettronica è un processo completamente digitale dall’emissione, alla trasmissione fino alla conservazione...

8 Maggio 2018

GDPR: le novità del Regolamento Europeo

Mancano ormai un paio di settimane al 25 maggio 2018, data in cui entrerà...

2 Maggio 2018

MACFRUT: vieni a trovarci allo stand 13, Padiglione B3

Macfrut è la vetrina internazionale del settore ortofrutticolo italiano. Dal 9 all’11 maggio, alla...